L’intervento logopedico precoce in un’ottica di prevenzione.

Il ritardo di esordio e/o di strutturazione del linguaggio verbale è un fenomeno diffuso, tanto da essere uno dei motivi più frequenti di consultazione in ambito neuropsichiatrico infantile in età prescolare.

Di solito, le difficoltà di linguaggio vengono rilevate dopo i tre anni di età, mentre nei primi quattro anni di vita uno sviluppo linguistico “ritardato” e/o “atipico” viene spesso sottovalutato. In realtà, il fatto che un bambino a 24 mesi non parli o abbia un vocabolario ridotto e non sempre comprensibile, può essere l’espressione di un fenomeno transitorio, ma anche di un vero e proprio disturbo.

Poiché non è possibile prevedere l’esito del ritardo, determinare dunque se siamo di fronte a un parlatore tardivo o a un bambino che svilupperà un disturbo del linguaggio, si ritiene necessario attuare un intervento logopedico per ottenere progressi linguistici a breve termine e ridurre gli effetti cumulativi del ritardo.

Tale problema, infatti, può determinare un forte impatto non solo sullo sviluppo linguistico, ma anche su quello emotivo e comportamentale.

Per l’intervento precoce si prediligono interventi che coinvolgono in modo attivo i genitori, in quanto spesso sono proprio loro ad avvertire la necessità di “fare qualcosa” per sentirsi meglio o di apprendere strategie per superare la frustrazione quotidiana di vivere con un bambino che non sviluppa il linguaggio nei tempi previsti.

Il genitore diventa quindi protagonista attivo e parte integrante della terapia, che fornisce strategie che hanno carattere concreto, di facile comprensione e applicazione per i genitori. 

L’importanza del filmato

Nell’intervento mediato dal genitore la videoregistrazione ha un ruolo chiave, in quanto permette l’osservazione dell’interazione genitore-bambino in modo da identificare comportamenti che facilitano la comunicazione e da incoraggiare i genitori a incrementare l’uso di tali comportamenti.

Permette, inoltre, al logopedista di guidare con maggiore facilità i genitori all’uso di strategie per raggiungere gli obiettivi comunicativi del bambino; aumentare la consapevolezza dello stile interattivo usato con il proprio figlio; comprendere meglio come i bambini interagiscono e comunicano; guidare i genitori a modificare il proprio modo di interagire con il bambino e a identificare le strategie e l’effetto che queste hanno sulla comunicazione del bambino.

L’intervento precoce dunque permette, non solo di prevenire o ridurre la severità dei problemi, in tempi minori e con costo minore rispetto a un disturbo che si è strutturato, ma rende il genitore consapevole dell’importanza del loro ruolo nello sviluppo del linguaggio del loro bambino.

Dott.ssa Kinga Gaspary, Logopedista

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: