“ll pensiero è il vento, la conoscenza la vela e l’uomo la nave.” Augustus Hare

COME OPERIAMO

Accoglienza telefonica:
Il primo contatto telefonico è finalizzato ad accogliere e orientare la richiesta in base ad una prima analisi della domanda.

Per fissare un primo appuntamento presso il Centro Plòion è possibile contattare telefonicamente i responsabili e/o compilare l’apposito modulo di richiesta.

CON I MINORI

La richiesta dei genitori viene accolta e orientata in base all’età del minore e al problema segnalato.
Si ricorda che per poter effettuare la valutazione di un minore è necessario il consenso di entrambi i genitori.

Prima consulenza
La prima consulenza prevede 1-2 incontri dedicati ai genitori e finalizzati ad analizzare insieme la situazione e orientare il percorso di valutazione.
È preferibile la presenza di entrambi i genitori per raccogliere più informazioni rispetto al problema presentato e condividere la presa in carico del bambino.

Valutazione
In seguito alla prima consulenza si procede con un percorso valutativo che richiede alcuni incontri con i genitori e il minore.
I colloqui con i genitori hanno lo scopo di raccogliere le informazioni relative allo sviluppo del bambino e alla sintomatologia oggetto della domanda di aiuto.
Viene ripercorso l’esordio e l’evoluzione delle problematiche presenti, nonché il loro impatto sulla vita quotidiana della famiglia.
Seguono alcuni incontri di valutazione con il bambino in cui vengono approfonditi gli aspetti emotivi, cognitivi, relazionali, di linguaggio e funzionali utilizzando i test idonei.
Se il bambino è piccolo o manifesta difficoltà di separazione dalla figura genitoriale, l’osservazione viene effettuata insieme al genitore stesso.

Progetto terapeutico
Al termine della valutazione, la formulazione di una diagnosi permette di far riferimento alla letteratura esistente per pianificare un percorso terapeutico efficace.
In tutti quei casi che non rispondono ai criteri clinici di una diagnosi codificata (una difficoltà con lo studio che non risponde ai criteri del disturbo di apprendimento, una forma non generalizzata di iperattività) la valutazione ha lo scopo di concordare con i genitori gli obiettivi terapeutici utili al bambino e a tutta la famiglia.
In ogni caso i risultati della valutazione vengono discussi in equipe e condivisi con i genitori in un colloquio di restituzione durante il quale si propone il progetto terapeutico.

CON ADOLESCENTI E GIOVANI ADULTI

Prima consulenza
Al primo incontro è prevista la presenza sia dei genitori sia del ragazzo.

Valutazione
Seguono degli incontri di valutazione con il ragazzo finalizzati, sempre in un’ottica multidisciplinare, a individuare eventuali aspetti problematici nei diversi ambiti della sua vita (scuola, relazioni familiari o con i coetanei), alla somministrazione di test e alla valutazione funzionale logopedica, ove necessario.

Progetto terapeutico
I risultati della valutazione vengono condivisi sia con il ragazzo sia con i genitori in un colloquio di restituzione durante il quale si propone il progetto terapeutico.

CON ADULTI

Prima consulenza
Il primo colloquio intende accogliere il paziente e redigere un’attenta anamnesi.
Le informazione acquisite saranno utili all’inquadramento del caso e all’analisi della richiesta.
Nel caso di pazienti neurologici o con disabilità cognitive sarà necessaria la presenza di un familiare o del care giver.

Valutazione
In base alla tipologia di intervento richiesto, si procederà ad un numero variabile di incontri di valutazione che potranno prevedere l’utilizzo di test standardizzati.
La finalità è quella di ricostruire il profilo del soggetto in tutti gli ambiti della sua vita, più o meno connessi alla problematica oggetto dell’intervento.

Progetto terapeutico
Se necessario i risultati della valutazione verranno discussi in equipe e sarà redatto un progetto terapeutico contenente obiettivi e modalità di intervento, che verrà in seguito proposto al paziente in un colloquio di restituzione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: